Home

Lettera a tutti i fuochi

Alleanza Democratica


Care Concittadine e cari Concittadini,
come avrete appreso recentemente dalla stampa il Gruppo Alleanza Democratica - composto da rappresentanti del PPD, del PLR e di Muralto Viva e Indipendenti – ha deciso all’unanimità di non più ripresentare le liste per il Municipio e per il Consiglio Comunale per il quadriennio 2016-2020.
Dopo quattro anni di legislatura, pur considerando riuscito l'esperimento di un’unica lista comprendente più partiti, e dopo un'attenta valutazione delle risorse individuali e collettive dedicate all'attività istituzionale in un Comune come Muralto dove il clima politico è costantemente teso, poco costruttivo e anche poco rispettoso delle minoranze - in particolare all’interno della compagine municipale ma anche, per alcuni significativi e non trascurabili episodi, nei confronti dei nostri Consiglieri Comunali -, Alleanza Democratica ha deciso di dare un segnale politico forte non presentando, almeno per la prossima legislatura, alcuna lista per i poteri comunali.
Ciascun componente del gruppo si è adoperato secondo le proprie possibilità e con il massimo impegno, onorando il mandato che l'elettorato ha voluto affidargli in quest’ultimo quadriennio, difendendo con convinzione gli interessi della collettività e vigilando sulle intenzioni della maggioranza, con molteplici atti quali interrogazioni ed interpellanze, ma anche in maniera propositiva per mezzo di svariate mozioni.
La situazione che si è però venuta a creare in quest’ultima legislatura, che ha costretto i membri di AD ad interporre a più riprese esposti e ricorsi (alcuni ancora pendenti) alle autorità preposte per ripristinare un minimo di trasparenza e di rispetto di tutte le parti in gioco, è altamente demotivante e, soprattutto, non garantisce più i presupposti per contribuire alla cosa pubblica secondo i principi democratici che stanno alla base di un confronto sano e trasparente.
Alleanza Democratica confida quindi nella comprensione della popolazione per questa difficile, sofferta e momentanea decisione e ringrazia i propri elettori per la fiducia accordata quattro anni or sono.
Ciò non di meno, nel prossimo quadriennio, AD si riserverà la possibilità di intervenire nella maniera più opportuna e nelle facoltà che la legge consente, qualora le decisioni prese non fossero nell’interesse della collettività.
Il Gruppo di Alleanza Democratica continuerà dunque a vigilare e ad operare - seppur in altra forma e dall’esterno della stanza dei bottoni - rimanendo a disposizione, attraverso i suoi rappresentanti, per ogni eventuale richiesta (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.).


Cordiali saluti


Il gruppo Alleanza Democratica
ALLA POPOLAZIONE DI MURALTO
Muralto, Aprile 2016

Comunicato Stampa

MURALTO SENZA ALLEANZA DEMOCRATICA

 

E`di questi giorni la decisione all’unanimità da parte del Gruppo di Alleanza Democratica - composto da rappresentanti del PPD, del PLR e di Muralto Viva e Indipendenti - di non più ripresentare le liste per il Municipio e per il Consiglio Comunale per il quadriennio 2016-2020.

Dopo quattro anni di legislatura, pur avendo affrontato con spirito positivo ed entusiasmo l'esperimento di un’unica lista comprendente più partiti, e dopo un'attenta valutazione delle risorse individuali e collettive dedicate all'attività politica in un Comune come Muralto dove il clima politico è costantemente teso, poco costruttivo e anche poco rispettoso delle minoranze - in particolare all’interno della compagine municipale ma anche, per alcuni significativi e non trascurabili episodi, nei confronti dei nostri Consiglieri Comunali –, Alleanza Democratica ha deciso di dare un segnale politico forte non presentando, almeno per la prossima legislatura, alcuna lista per i poteri comunali.

Ciascun componente del gruppo si è adoperato secondo le proprie possibilità e con il massimo impegno onorando il andato che l'elettorato ha voluto affidargli in quest’ultimo quadriennio, difendendo con convinzione gli interessi della collettività e vigilando sulle intenzioni della maggioranza, con molteplici atti quali interrogazioni ed interpellanze, ma anche in maniera propositiva per mezzo di svariate mozioni. La situazione che si è però venuta a creare in quest’ultima legislatura, che ha costretto i membri di AD ad interporre a più riprese esposti e ricorsi (alcuni ancora pendenti) alle autorità preposte per ripristinare un minimo di trasparenza e di rispetto di tutte parti in gioco,è altamente demotivante e non rientra nei canoni di un confronto sano, trasparente e rispettoso delle fondamentali regole democratiche.

Per questo motivo Alleanza Democratica confida nella comprensione per questa difficile ma inevitabile decisione e ringrazia i propri elettori per la fiducia accordata.

I Municipali I Consiglieri Comunali

Claudio Franscella (PPD) Nicolas Chuard (PPD)

Dao Nguyen Quang (PLR)¨ Monica Colangiulo (PLR)

Nicola Ferroni (Indip.)

Sofia Franscella (PPD)

Giorgio Fransioli-Ignazio (Indip.)

Pascale Fransioli-Ignazio Morinini(PPD)

Massimo Frizzi (PPD)

Valentina Giacchetto (Indip.)

Luca Magistra (Muralto Viva)

Giacomo Sciaroni (PLR)

Daria Voumard (Indip.)

Mirco Zlatanoski(PPD)

Comunicato stampa

 

Alleanza Democratica Muralto

 

 

A seguito dell’interrogazione di Ordine e Progresso e Indipendenti (OPI) in cui si mette l’accento su una presunta fuga di notizie in merito alla vicenda che vede coinvolto il contabile del Comune di Muralto, Alleanza Democratica (AD) precisa quanto segue:

- è pretestuoso e fuorviante concentrarsi, come fa il movimento del sindaco Gilardi, su un’ipotetica fuga di notizie quando il vero problema è l’ammanco di oltre 50 mila franchi dalle casse del Comune e, soprattutto, i mancati richiami di imposte non pagate per un decennio.
- Alleanza Democratica non ha assolutamente l’intenzione di accanirsi contro l’esecutore materiale del misfatto (che peraltro verrà giudicato dalla magistratura) ma ha la ferma volontà di fare chiarezza, individuando al più presto le cause e le responsabilità che hanno portato a questo malandazzo decennale; questa chiarezza deve essere fatta al più presto nell’esclusivo interesse dei cittadini, soprattutto di quelli che hanno sempre e regolarmente pagato le imposte e che sono stati di fatto discriminati nei confronti di chi le imposte non le ha mai pagate. È quindi di fondamentale importanza che il mancato controllo politico di chi doveva occuparsi delle finanze, così come gli errori commessi, non abbiano più a ripetersi e che tutte le misure preventive possibili vengano prese.

Entrando poi nel merito delle accuse formulate da OPI a riguardo di presunte fughe di notizie, i Municipali e i Consiglieri comunali di Alleanza Democratica fanno notare quanto segue:

1) l’interrogazione di AD, con la quale si chiedevano lumi sull’accaduto e sulle responsabilità, è stata scritta la sera del 28 aprile 2015 ed inoltrata al Municipio ed alla stampa la mattina del 29 aprile 2015, dopo che la notizia era apparsa su alcuni portali già nella serata del 27 aprile 2015 ed il giorno 28 aprile 2015 sui quotidiani. Non vi è quindi dunque alcuna coincidenza con quella dell’emanazione dei comunicati stampa ma, semmai, una efficiente reazione ad un serio problema venutosi a creare all’interno dell’amministrazione comunale che tocca tutti i cittadini muraltesi.

2) Si precisa inoltre che da più di due mesi il Municipio stava discutendo di questa grave disfunzione amministrativa messa in atto dal contabile comunale, senza che nulla trapelasse 

3) Si ricorda poi che durante il mese di febbraio 2015 (!) il Municipio ha deciso di emanare tutti i richiami di mancato pagamento di tutte le imposte non riscosse, anche di quelle andate in prescrizione. Fatto questo che ha evidentemente indotto qualcuno a pagare gli arretrati ma ha pure risvegliato molte reazioni di stupore tra la popolazione che ha ricevuto questi tardivi solleciti e, come facile capire, le voci in paese sono iniziate a circolare e a destare sospetto.

4) Lunedì 13 aprile la commissione della Gestione (due settimane prima del comunicato uscito sui portali il 27 aprile) veniva poi informata del caso dal Sindaco e dall’attuale Capo dicastero finanze. Situazione questa che ha allargato la cerchia di persone informate sui fatti.

5) Martedì 21 aprile veniva inoltre pubblicata sul sito del Comune l’apertura del concorso per un nuovo contabile comunale. Pubblicazione che ha destato l’interesse e la curiosità della gente, dei funzionari e dei media. Visto quanto sopra si evince chiaramente che le accuse di OPI su presunte fughe di notizie da partedi municipali o strettissimi collaboratori sono strumentali e fuorvianti. Qualsiasi persona di buon senso capisce che con una così complessa e lunga procedura la notizia non avrebbe potuto rimanere per molto tempo ancora riservata.

Il Gruppo di AD ribadisce che i suoi rappresentanti in Municipio - che hanno da sempre avuto qualche perplessità su questo tipo di procedura, volendo annunciare da subito il caso in magistratura - si sono sempre conformati collegialmente alle decisioni prese dalla maggioranza. Invita dunque il Gruppo di OPI ad affrontare con serietà questa delicata vicenda, attenendosi alla realtà dei fatti.

AD auspica inoltre che la maggioranza di OPI in Municipio tenga finalmente un comportamento più rispettoso di tutte le parti rappresentate in Municipio e in Consiglio comunale e questo nell’interesse di tutti i cittadini, indipendentemente dalla loro appartenenza politica. A questo proposito si cita un invito espresso anche dalla Sezione degli enti locali che il 13 aprile 2015 -a seguito di un’istanza di intervento presentata dai due municipali di AD che lamentavano un mancato coinvolgimento dei propri esponenti in seno al legislativo ad un incontro ufficiale su un tema molto importante quale quello della pianificazione comunale- ribadisce al Sindaco e ai suoi due colleghi di Municipio di evitare di mettere i Consiglieri comunali su piani differenti e "a voler informare in modo puntuale e uniforme il consiglio comunale così che i membri dello stesso siano in possesso dello stesso grado di informazione riguardo i temi di propria competenza". Ai membri di OPI è andato pure il sollecito a voler agire di conseguenza in futuro.

Un richiamo ufficiale che dimostra, ancora un volta, quale sia la supponenza e l’arroganza esercitata dalla maggioranza di OPI in Municipio. Quindi, piuttosto che affannarsi a distogliere l’attenzione ricercando i sedicenti responsabili di pretestuose fughe di notizie, sarebbe ora di concentrarsi maggiormente su una conduzione della cosa pubblica più trasparente, democratica e istituzionale.

 

I Municipali ed i Consiglieri comunali di Alleanza Democratica

"Buco" nelle Casse Comunali

Ci complimentiamo con il municipale Nguyen Quang Dao, capo dicastero Finanze dal 2012, la cui accurata gestione ha permesso di portare alla luce un ammanco di entrate dovute ad un'importante disfunzione che da un decennio caratterizzava il dicastero precedentemente gestito dall'attuale Sindaco, che nelle ultime tre legislature ed ancora oggi è responsabile dell'Amministrazione.

Il danno arrecato al cittadino è fin troppo evidente, laddove i contribuenti sono stati suddivisi in due categorie, coloro che tempestivamente hanno pagato tasse ed imposte e coloro i quali in attesa di richiami hanno visto cadere il loro obbligo contributivo nei confronti della comunità (cosa che in ogni caso ha causato una perdita finanziaria dovuta ad una falsata gestione della liquidità). Come rappresentanti della popolazione non possiamo non preoccuparci che la suddivisione delle due categorie non sia stata unicamente frutto aleatorio.

Per quanto riguarda gli ammanchi fiscali si chiedeva al dipendente oggi accusato di agire senza una delega con una base legale valida, la responsabilità principale ci risulta essere dunque del funzionario responsabile del personale e non da ultimo del municipale capo dicastero Amministrazione, ovvero il Sindaco Stefano Gilardi.

Abbiamo appreso che il Municipio era a conoscenza dei fatti già da diversi mesi, rimaniamo dunque stupiti che lo stesso si sia rivolto alla magistratura solamente dopo lo scandalo a mezzo stampa.

 

Resteremo vigili su questo ed altri temi, ed in attesa di nuovi sviluppi ci siamo subito attivati interrogando il Municipio (vedi interrogazione).

Informazioni aggiuntive